PASSWORD_PRIVACY_STAMPANTE_WIFI

Stampanti wireless e sicurezza dati: come scegliere e impostare la password

Quando si utilizzano stampanti wireless è importante assicurarsi che la rete dell’ufficio sia sicura; un network non criptato presenta potenziali pericoli per la violazione della sicurezza, soprattutto se vengono trattati documenti con informazioni sensibili riguardanti l’azienda o i dati personali. Vediamo ora come capire se e quando una stampante wireless risulta sicura e analizziamo nel dettaglio tutte le possibili soluzione per garantire una rete a prova di infrazione.

La mia rete è già sicura

Con alcune vecchie tecnologie senza fili, come il Bluetooth, l’accesso è limitato dalla necessità di avere una vicinanza fisica con la stampante wireless. Discorso diverso per i dispositivi che offrono connettività a lungo raggio, come lo standard WLAN 802.11n, sono accessibili anche al di fuori di una stanza d’ufficio e quindi, potenzialmente, a tutti.
Nel momento in cui una persona ha accesso ad una rete privata, non sono a rischio solo i file che vengono scambiati con la stampante wireless, ma tutti i documenti che presenti nei computer nella rete. Quando si utilizza internet, vengono inviati e ricevuti pacchetti di informazioni, che possono essere intercettati da un hacker con conseguenze molto rischiose: visualizzazione delle password, delle informazioni finanziarie, dei dati personali e molto altro ancora.
Senza contare il rallentamento della velocità della rete e l’utilizzo di quest’ultima per fini illeciti da parte di terzi.

Come impostare la password per  stampanti wireless

Utilizzare una password per proteggere i file inviati ad una stampante wireless è un’operazione sicuramente consigliata, perché rappresenta un filtro in più ad eventuali attacchi. Impostarla è molto semplice, però bisogna conoscere il livello di criptaggio dei diversi modelli di stampanti wireless, per capire quale viene supportato.

I diversi tipi di criptaggio rete wifi

Esistono diversi metodi per criptare una rete e renderla sicura: i modelli di stampanti wireless più recenti supportano gli ultimi livelli di sicurezza, mentre i dispositivi più datati potrebbero limitarsi alla protezione base, la WEP, di certo non una fortezza ma sempre meglio che non avere una copertura.
A questo proposito si presentano due possibili alternative: o si passa al cavo Ethernet, lasciando l’onere della difesa al solo antivirus del computer, oppure si considera un upgrade della stampante wireless.
Per impostare una password WEP basta scegliere una parola compresa tra 10 e 58 caratteri, utilizzando i numeri da 0 a 9 e le lettere dalla A alla F. Sono sufficienti questi parametri per capire quanto sia facile, per chi è esperto, hackerare una password di questo tipo in pochi minuti.
Diverso il caso in cui la stampante supporti i più recenti protocolli di sicurezza, WPA e WPA2.
WPA2 dovrebbe essere lo standard adottato sempre, ma in sua assenza il WPA è comunque un buon alleato per la difesa della rete. In entrambi i casi è possibili utilizzare sia password (tutti i numeri e le lettere oltre ai simboli, es: P@ssw0rd!) che le cosiddette passphrase (che consentono di aggiungere la punteggiature e gli spazi, es: L@ m1a P@ssw0rd).

Come si cripta una rete?

Criptare, o cifrare, significa creare una password di difficile rilevamento, utilizzando una variazione elevata di numeri, lettere, casi e simboli. Più complessa è la combinazione maggiori saranno le difficoltà da parte dei sistemi di de-criptaggio.
Per questo motivo le password per i diversi dispositivi e programmi devono essere diverse tra loro e non includere mai date di nascita o nomi di parenti stretti e partner. Il modo migliore è alternare, in una sequenza di almeno 20 caratteri, numeri, lettere (sia maiuscole che minuscole), simboli e punteggiatura, rendendo così il lavoro degli aspiranti intrusi troppo arduo.

Accessibilità ad altri utenti e sicurezza

Nel caso in cui si voglia garantire l’accesso alla stampante wireless a dei visitatori o, momentaneamente, ad altri colleghi dell’ufficio, è consigliato acquistare un router con guest network. Grazie ad esso è possibile creare un canale dedicato esclusivamente agli ospiti, che così non possono avere accesso a file e cartelle presenti negli altri computer e dispositivi in rete.
Altra soluzione è acquistare o noleggiare  stampanti wireless compatibile con le app di eprinting (disponibili per sistemi iOS, Android, Blackberry e Symbian), in modo da permettere l’invio del documento direttamente dal computer, table o smartphone, alla stampante.
Per una maggiore sicurezza si possono configurare le impostazioni dell’applicazione per consentire la stampa solo ed esclusivamente agli indirizzi e-mail inseriti dall’utente.